Psicoterapia Gestione della Rabbia

Trattamento-psicoterapia-gestione-delle-rabbia-Psicoterapia-Psicoterapeuta-Dottoressa-Michela-Rapuano-Piscologa-benevento

La Psicoterapia è molto efficace per te se hai difficoltà nella gestione della rabbia.

La Terapia Cognitivo Comportamentale (TCC) ti aiuta a:

Esprimere la rabbia in modi alternativi

Ridurre lo Stress Fisico

Prevenire Malattie Fisiche (ipertensionemalattie cardiache e diminuzione dell’efficacia del sistema immunitario)

Cambiare gli Atteggiamenti Ostili

Ridurre Sentimenti di colpa, vergogna o rimorso

Prevenire le Conseguenze Negative (violenza, aggressione fisica, ecc.)

Migliorare le Relazioni Interpersonali

Prevenire l’Isolamento Sociale

La rabbia è uno stato affettivo intenso che si attiva nell’individuo in risposta a stimoli interni o esterni, e alla loro interpretazione cognitiva.  

Spesso tendiamo a confondere la rabbia con l’aggressività; in realtà la rabbia è un’emozione e non necessariamente sfocia nell’aggressività, mentre l’aggressività è un comportamento attuato per ferire qualcuno o danneggiare qualcosa, che può includere offese verbali, minacce o azioni violente.  

Un altro termine spesso correlato a rabbia e aggressività è ostilità, che si riferisce ad un complesso insieme di atteggiamenti e giudizi che motivano i comportamenti aggressivi.  

La rabbia diventa un problema quando la proviamo troppo intensamente, troppo frequentemente oppure la esprimiamo in maniera inappropriata, in quanto provoca un estremo stress fisico.  

Durante episodi di rabbia prolungati e frequenti alcune strutture del Sistema Nervoso vengono particolarmente attivate. Di conseguenza, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca aumentano e rimangono elevate per lungo tempo. Lo stress sul corpo può provocare molti problemi di salute, quali ipertensionemalattie cardiache e diminuzione dell’efficacia del sistema immunitario. Perciò, da un punto di vista medico, evitare di incorrere in una malattia fisica è una delle motivazioni per imparare a controllare la rabbia.  

Un’altra ragione per gestire la rabbia riguarda le conseguenze negative derivanti dalla sua inappropriata espressione. Nei casi estremi, la rabbia può sfociare in violenza o aggressione fisica, che può condurre ad esiti negativi (arresto, condanna, essere feriti, subire una vendetta, provare sentimenti di colpavergogna o rimorso). Anche quando la rabbia non conduce alla violenza, la sua inadeguata manifestazione attraverso offese, intimidazioni o comportamenti minacciosi, porta spesso a conseguenze negative. Ad esempio, è molto probabile osservare nell’altro reazioni di paurarisentimento e mancanza di fiducia, e conseguentemente venire isolati da parenti, amici e colleghi di lavoro. 

Puoi spezzare l’abitudine ad arrabbiarti prima di tutto diventando consapevole della tua rabbia (sviluppando la consapevolezza verso gli eventi, le circostanze e i comportamenti altrui che innescano la tua rabbia) e poi apprendendo strategie per controllarla

Puoi imparare come cambiare il tuo pensiero, i tuoi sentimenti e i tuoi comportamenti con esercizi di Terapia Cognitivo Comportamentale che hanno evidenza empirica. 

Diversi studi sul trattamento di problemi connessi alla rabbia e all’aggressività hanno confermato l’efficacia della Terapia Cognitivo Comportamentale (TCC). La letteratura scientifica, infatti, ha verificato che la TCC rappresenta l’approccio di elezione per la gestione e il trattamento dei problemi connessi alla rabbia.

Se ti riconosci in queste difficoltà di gestione della rabbia